Il fruitore interagisce  con le  opere presenti sul catalogo cartaceo della mostra “Il Richiamo di Cthulhu” per mezzo dell’apposita applicazione di realtà aumentata.

“Il celebre racconto costruisce il paesaggio immaginario in cui ospitare l’incontro delle opere degli artisti, condividendo storie e immagini di racconti che in qualche modo aprono i confini della realtà esplorando la ragione tra la fantasia e la follia. La creazione di geografie parallele moltiplicano la realtà in un potenziale numero di possibilità. Geografie sperimentali e ricerche di una topografia dell’immaginario si mescolano con visioni oniriche e viaggi ancestrali.

Cosa succede quando il passato e il futuro si incontrano generando delle forme assurde dell’immaginario? Dove si trova la frontiera tra reale e finzione in cui si scava sempre una storia da rileggere e da sommergere? È la fantasia, nei suoi algoritmi più assurdi, più mostruosi, che cerca di ritrovare una nuova dimensione nella realtà?”

Penso che la cosa più misericordiosa al mondo sia l’incapacità della mente umana di mettere in relazione i suoi molti contenuti. […]

H. P. Lovecraft

Informativa Cookies Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy.